Cibi secchi

SFOGLIATINE CON FARINA DI MAIS, FARINA DI CECI E PARMIGIANO

Pubblicatodi il Mar 16, 2021 in Cibi secchi
Nessun commento

Durante il periodo pandemico mi sono ingegnata nel trovare soluzioni sane ma gustose per la mia bimba ma anche per tutti noi perché stare in casa sempre stimola inevitabilmente la fame nervosa. Per non parlare della follia delle persone nello svaligiare supermercati nella corsa all’acquisto di farina 0 e 00. Per fortuna non la preferisco ad altre farine ed è stato più semplice trovare alternative.

  • Acqua
  • Farina di mais
  • Farina di ceci
  • Sale
  • Olio extravergine d’oliva
  • Parmigiano

Le dosi che vi darò sono per 2 infornate perché meglio consumarle subito in modo che rimangono croccanti più a lungo. Ho messo in un pentolino a bollire 2 bicchieri di acqua, 3 cucchiai di farina di mais, 1 cucchiaio di farina di ceci e un po’ di sale. Ho girato con una frusta per evitare grumi e ho lasciato bollire fino a quando non ha raggiunto una consistenza morbida non troppo compatta. Ho spento il fuoco e grattugiato una generosa dose di parmigiano ( ho usato il Reggiano) ho versato metà del contenuto su una teglia con carta forno. Ho spianato bene con una spatola fino ad avere uno spessore di un paio di mm, ho spennellato con dell’olio extravergine d’oliva e informato a forno già caldo a 190° per una quindicina di minuti. Dopodiché ho girato il composto per finire la cotturaL’altra metà l’ho versata su un foglio di carta forno e spianato come per la prima infornata ( ho fatto così perché una volta raffreddato è impossibile lavorare il composto)

Questo e il risultato

Se lasciare una piccola porzione di composto ancora più sottile verranno delle cialdine meravigliose😉

Continuate anche con la seconda infornata e buon appetito💯

TARALLI PUGLIESI

Pubblicatodi il Mag 29, 2020 in Cibi secchi
2 commenti

La leggenda risale al 1400 e vuole che una madre, non avendo più nulla con cui sfamare i propri figli, provò ad impastare quello che aveva conservato nell’ armadio dispensa della cucina ossia, farina, olio extravergine di oliva, sale e vino bianco. Ottenne, dalla lavorazione manuale un impasto quasi gommoso, che arrotolato tra le mani e il piano del tavolo e chiuso tra le estremità, si presentava come un anello. Dopo la lievitazione naturale veniva cotto nel forno a legna.

Taralli con semi vari

I Tarallucci mi riportano alla sagra del fungo porcino di Lariano dove, alle bancarelle dei prodotti artigianali, c’è n’è una dei prodotti locali pugliesi con una quantità spropositata di Tarallucci con tutti i condimenti possibili.

  • 550 gr di farina o
  • 200 gr di vino bianco non frizzante
  • 125 gr olio extravergine di oliva
  • 15 grammi di sale

In un contenitore capiente mettete farina, sale e iniziate a mescolare bene, aggiungete poi vino e olio. Amalgamate bene tutto e impastate con forza fino ad ottenere un composto liscio. Avvolgete il composto nella pellicola e lasciate x 30′ in frigorifero.

Mentre aspettiamo che passi mezz’ora alcune curiosita’…

Trascorsa mezz’ora prendete dei piccoli pezzi di impasto fate dei bastoncini e collegateli a mo’ di anello chiudendo l’estremità superiore (un po’ come fare le ciambelline). Continuate x tutto l’impasto. Sentirete un profumo di vino mischiato all’olio inebriante.

Mettete a bollire in una pentola l’ acqua, versate più o meno 10 taralli e aspettate che salgano rimanendo a galla (come per gli gnocchi), a questo punto preparate un canovaccio poggiato su un ripiano e poggiate sopra i taralli, giratele dopo un paio di minuti e metteteli in una teglia foderata di carta forno.

Il forno deve essere già caldo a 190 gradi ventilato, cuoceteli finché non diventano dorati, a questo punto alzate il forno a 200 gradi e terminate la cottura per altri 2/3 minuti. Fateli freddare bene prima di mangiarli non tanto perché sono bollenti ma perché non si apprezzerebbe la consistenza. Devono risultare croccanti fuori ma non friabili, si crea come una specie di coccia esterna e dentro sono consistenti. I veri taralli pugliesi sono così!

Io ne ho fatti un po' anche coi semi vari e sono strepitosi, sbizzarritevi a creare🤗
Immagini antiche tarantella pugliese